DECRETO LEGGE 16 LUGLIO 2020 N. 76 (collegamento alla Gazzetta Ufficiale)
"Misure urgenti per la semplificazione e l'innovazione digitale".



Ecco alcuni di questi interventi trasversali.

Per la prima volta si introduce il dovere per le Pa di misurare e pubblicare i tempi effettivi delle procedure. Gli enti dovranno pubblicare quanto impiegano a rilasciare una carta di identità, un’autorizzazione o a concedere una pensione di invalidità. I tempi effettivi verranno confrontati con quelli previsti da leggi o regolamenti. In questo modo il cittadino e l’impresa sono posti al centro e le amministrazioni sono spinte al rispetto dei tempi.


Viene prevista massima trasparenza. Tutti potranno mettere a confronto i tempi di attesa dei diversi enti per la stessa pratica. Le Pa che non rispondono entro i termini non potranno più intervenire. Si determina così chiarezza e certezza in presenza di Scia,  Conferenza dei servizi o il silenzio-assenso. I provvedimenti adottati dopo la scadenza dei termini diventano inefficaci, tranne in caso di atto illegittimo. In questo modo le amministrazioni sono indotte a comportamenti virtuosi e Pa e cittadini sono posti sullo stesso piano.


Fino al 31 dicembre 2021 le pubbliche amministrazioni potranno utilizzare una conferenza di servizi semplificata con termini più veloci: sessanta o al massimo novanta giorni. Per le autorizzazioni collegate alla localizzazione e alla realizzazione delle opere e delle infrastrutture previste da decreto, sono introdotte ulteriori riduzioni dei termini.


Entro il 30 settembre, adozione dell’Agenda per la semplificazione 2020, che verrà condivisa con Regioni ed enti locali. Saranno semplificate le procedure ed eliminati tutti gli adempimenti non giustificati dalla tutela dell’interesse pubblico: nessuna autorizzazione dallo Stato oltre quelle effettivamente necessarie.


Estensione della modulistica standardizzata per cittadini e imprese, già realizzata per le attività edilizie, artigianali e commerciali con ottimi esiti. Si prevede di lavorare d’intesa con Regioni ed enti locali per generalizzare questa pratica.